Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /web/htdocs/www.primapaginaitaliana.it/home/plugins/system/t3/includes/menu/megamenu.php on line 137
Marcianise - Prima Pagina Italiana Quotidiano On Line

MARCIANISE - I militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Marcianise, a seguito di una segnalazione pervenuta dal “Comitato fuochi e tutela del territorio”di S.Maria a Vico, hanno individuato, a Caserta e nel Comune di San Felice a Cancello, due vaste superfici, rispettivamentedi circa 6.000 mq e 250 mq, in uno stato di totale degrado ed abbandono, illecitamente adibite a discariche abusive.

I Finanzieri, a seguito di preliminari sopralluoghi e rilievi fotografici, hanno effettuato l’accesso in un’area privata recintata e non visibile dall’esterno ubicata nel pieno centro della città di Caserta. Dall’esame visivo del sito è stato possibile constare che sul terreno insistevano ammassi di immondizia che si propagavano addirittura nella profondità del suolo.

Nella discaricac’era di tutto:carcasse di autovetture e motociclette, catrame, pneumatici, elettrodomestici fuori uso, materassi, materiale di risulta di demolizioni di strutture in cemento armato, perfino rifiuti pericolosi e tossici costituitida diversi pannelli di eternit, composto notoriamente considerato altamente cancerogeno per la salute umana.

Nel Comune di San Felice a Cancello, invece, è stato individuato un canalone per il deflusso delle acque, che era completamente intasato da tonnellate di rifiuti di vario genere, del volume complessivo di oltre 180 metri cubici.

Il materiale rinvenuto nei predetti siti è stato probabilmente accumulato, in modo illecito, nel corso degli anni, allo scopo di evitare gli onerosi costi richiesti per il regolare smaltimento dello stesso nelle discariche autorizzate.

Questa pratica, oltre a deturpare gravemente il territorio, qualora svolta all’interno di aree cittadine, come quelle scoperte dalle Fiamme Gialle, può provocare irreparabili contaminazioni del suolo e gravi danni alla salute dei residenti. Per tale motivo, per evitare il rischio di inquinamento, i Finanzieri hanno quindi proceduto al sequestro dellesuperfici, al fine di attivare le procedure presso gli Enti preposti per consentirne la successiva bonifica, i cui costi di risanamento saranno a carico di Provincia e Comune e, pertanto, dell’intera comunità.

Sono in corso le attività di ricerca ed individuazione dei responsabili dell’illecito sversamento e dei gravi reati ambientali commessi.

L’operazione di servizio nello specifico comparto testimonia, ancora una volta, l’impegno profuso quotidianamente dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta che, al fianco delle associazioni cittadine locali, lotta per tutelare l’ambiente e la salute dei cittadini.

Marcianise - Lunedi 18 Gennaio 2016, alle ore 20, in Via Roma n.8 a Marcianise, si terrà l’evento di inaugurazione del movimento civico “Vivila”, con l’incontro dibattito “La politica come bellezza: la libertà e partecipazione” e l’intervento di numerosi giovani del territorio marcianisano. L’evento inaugurale sarà accompagnato dalla Mostra di Quadri del Prof. Raffaele Salzillo e dalla musica del Maestro Giosuè Salzillo che allieterà la serata. “Vivila, è questo il nome che abbiamo scelto – commentano i promotori del movimento – per rappresentare il nostro modo di essere e di intendere l’impegno politico, culturale e sociale dei giovani per il nostro territorio, per la nostra amata città. Marcianise – sottolineano i giovani – è la nostra città e noi intendiamo Viverla, senza più demandare ad altri o rimandare ad altri tempi. Oggi è il nostro tempo, oggi è il nostro momento. Oggi è il tempo di impegnarci per una città che ci appartiene e che con tanti sacrifici ci è stata lasciata in eredità dai nostri genitori e dai nostri nonni. Per Marcianise abbiamo scelto di impegnarci vivendola intensamente e riscoprendo l’antico splendore della bellezza dell’impegno politico. Parafrasando un grande come Giorgio La Pira, infatti, noi riteniamo che non si possa più definire la politica come una cosa brutta. La politica deve intendersi come impegno di civiltà e santità. Per questo motivo, Lunedi sera – concludono i promotori – il messaggio sarà forte e chiaro: Vivila!” (cs)

MARCIANISE - Lunedi 18 Gennaio 2016, alle ore 20, in Via Roma n.8 a Marcianise, si terrà l’evento di inaugurazione del movimento civico “Vivila”, con l’incontro dibattito “La politica come bellezza: la libertà e partecipazione” e l’intervento di numerosi giovani del territorio marcianisano. L’evento inaugurale sarà accompagnato dalla Mostra di Quadri del Prof. Raffaele Salzillo e dalla musica del Maestro Giosuè Salzillo che allieterà la serata. “Vivila, è questo il nome che abbiamo scelto – commentano i promotori del movimento – per rappresentare il nostro modo di essere e di intendere l’impegno politico, culturale e sociale dei giovani per il nostro territorio, per la nostra amata città. Marcianise – sottolineano i giovani – è la nostra città e noi intendiamo Viverla, senza più demandare ad altri o rimandare ad altri tempi. Oggi  è il nostro tempo, oggi è il nostro momento. Oggi  è il tempo di impegnarci per una città che ci appartiene e che con tanti sacrifici ci è stata lasciata in eredità dai nostri genitori e dai nostri nonni. Per Marcianise abbiamo scelto di impegnarci vivendola intensamente e riscoprendo l’antico splendore della bellezza dell’impegno politico. Parafrasando un grande come Giorgio La Pira, infatti, noi riteniamo che non si possa più definire la politica come una cosa brutta. La politica deve intendersi come impegno di civiltà e santità. Per questo motivo, Lunedi sera –concludono i promotori – il messaggio sarà forte e chiaro: Vivila!”

MARCIANISE - Il movimento civico Vivila Marcianise dà il via alla serie di tavoli tematici volti ad affrontare le problematiche più “denunciate” dagli abitanti della città.

Gli stessi non  diventeranno dei convegni fatti di sermoni a firma di illustri docenti, bensì sarà il cittadino ad essere protagonista indiscusso degli incontri.

Si partirà Lunedi 8 Febbraio 2016, alle ore 20,00, presso il palazzo Monte dei Pegni in Via Duomo n°9.

 L’argomento trattato sarà quello dello sport, con particolare riferimento all’assenza di strutture adeguate per lo svolgimento di questo genere di attività.

Marcianise, infatti, pur essendo colma di talenti che hanno conquistato posizioni di rilievo in competizione nazionali, non possiede, ad oggi, alcun luogo da poter mettere a disposizione del cittadino sportivo o semplice appassionato.

L’evento, organizzato dalla commissione sport di vivila (formata dall’ing. Angelo Laurenza, Alfredo Malaforte, il delegato allo sport Paolo Negro e il dottor Angelo Perrino), sarà aperto a tutti coloro che vorranno esprimere un parere sulla questione.

Di fondamentale importanza sarà la partecipazione di chi pratica realmente lo sport all’interno delle cittadina, così da rendere note le potenzialità di sviluppo e le difficoltà che si incontrano quotidianamente nel trasformare tale potenza in solida realtà.

Le idee, che saranno discusse durante l’incontro, verranno inserite in un programma di proposte da sottoporre alla futura amministrazione di Marcianise.

 

Vivila, dunque, invita tutti gli interessati a collaborare.

 

“Vivere la città significa avere luoghi attrezzati dove poter fare attività sportiva.

Lo sport è il nostro orgoglio, non possiamo ferirlo”.

MARCIANISE - Una folla di circa duecento persone si è recata ieri sera in Via Roma 8, a Marcianise,  per  il brindisi inaugurale di “Vivila”, il nuovo movimento civico dei giovani marcianisani nato per smuovere le coscienze di una città che ha bisogno di una nuova, giovane e preparata classe dirigente. “Sia ben chiaro – ha dichiarato l’Avv. Raffaele Delle Curti, Segretario del Monvimento – Vivila è un movimento civico territoriale, autonomo e apartitico. Vivila è un movimento puro che al di là dei giochi di quartiere e delle bizze dei potenti, vuole realizzare un rinnovamento vero e qualificato della classe politica della città di Marcianise. Il messaggio che intendiamo lanciare ai nostri concittadini è quello che qualcosa di straordinario sia ancora possibile. La nostra città – ha spiegato il giovane Avvocato durante l’intervento inaugurale del movimento – ha visto nascere le migliori eccellenze in qualsiasi ambito: da quello sociale e culturale a quello civico e per finire a quello sportivo. Da sempre siamo esempio di qualità e monito di speranza per il sud, ma oggi, più di ieri, è necessario ricominciare a sognare puntando in alto.  Per fare questo – spiega Delle Curti – è necessario che gli uomini di cultura e gli uomini di "buona volontà" comincino a partecipare, nella consapevolezza che oggi, non domani o chissà quando, è ora di riappropriarci del nostro futuro e di quello dei nostri figli. Tutto ciò – conclude il Segretario – ricominciando da una base interamente costituita da giovani: saranno loro il nucleo essenziale della nostra organizzazione.” Ai lavori di presentazione del Movimento ha preso parte anche il Dott. Pasquale Guerriero, portavoce del movimento e già Senatore Accademico S.U.N., che ha illustrato le regole del movimento ed il programma dei prossimi incontri nonché il giovane laureando in economia Raffaele Salzillo, che ha sottolineato la necessita di riportare la cultura al primo posto nel progetto della città. Hanno moderato la poetessa Michela Salzillo, riportando citazioni illustri che sono poste a fondamento del manifesto del movimento e la Dott.ssa Lella Raucci. Ospite anche il Commissario prefettizio del Comune di Marcianise Antonio Repucci, accolto con grande cordialità dall’intera platea. Durante la serata, realizzata all'insegna del concetto della politica come bellezza,  è stata realizzata anche una mostra d'arte del Prof. Raffaele Salzillo accompagnata dalla musica soave del maestro Giosue Salzillo.

MARCIANISE - In data odierna, nell’ambito delle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord,  i Carabinieri della Compagnia di Marcianise e della Stazione di Gricignano di Aversa hanno dato esecuzione ad un’ ordinanza di custodia cautelare, emessa nei confronti di 10 persone accusate a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento della immigrazione clandestina, falsità in atti, truffa aggravata ai danni dello Stato, estorsione e ricettazione.

L’indagine, eseguita dai Carabinieri della Stazione di Gricignano di Aversa, ha consentito di disarticolare due sodalizi criminali, uno formato da cittadini di nazionalità ucraina, l’altro da cittadini italiani,  con elementi di collegamento tra di loro.

Il modus operandi di entrambe le associazioni consisteva nel trarre profitto dalla condizione di illegalità di cittadini extracomunitari, provenienti principalmente dall’Iran, dalla Nigeria e dall’Ucraina.

L’investigazione ha consentito in particolare di individuare un gruppo di cittadini ucraini, operanti nel territorio dell’agro-aversano, dediti alle estorsioni e alla produzione di documenti falsi finalizzati a consentire la circolazione di autoveicoli italiani radiati dai registri della motorizzazione  ai fini dell’esportazione all’estero. Tali autoveicoli venivano muniti di targhe e documenti stranieri falsi e potevano così circolare anche in elusione degli obblighi tributari ed assicurativi.

Le indagini hanno anche permesso di raccogliere elementi circa l’ esistenza di un’ulteriore associazione delinquere, formata da  italiani, dedita al favoreggiamento dell’ingresso e della permanenza in Italia di cittadini stranieri.

Nello specifico le indagini consentivano di ricostruire  circa 20 matrimoni “fittizi”, celebrati nei Comuni di Giugliano in Campania, di Pozzuoli, di Napoli e di Quarto, contratti tra  stranieri e soggetti di nazionalità italiana, per consentire agli stranieri, dietro pagamento di somme di denaro,  la permanenza regolare nel territorio dello Stato.

Nel corso dell’attività investigativa è emerso, inoltre, che l’associazione per delinquere composta da cittadini italiani, favoriva l’ingresso in Italia di cittadini extracomunitari provenienti dall’Iran, che, prelevati dalla Turchia e  muniti di falsi documenti realizzati in Italia,  venivano accompagnati nel territorio nazionale.

Altri articoli...