(Pasquale della Volpe) - Dopo un'estate iniziata male con la precoce eliminazione della Nazionale dagli Europei e finita peggio con l'ennesima (in negativo) rivoluzione dei nostri campionati che ha portato alla nascita di due campionati "zoppi", riparte, finalmente, il nuovo campionato che vedrà la Juve Caserta esordire domani al Palamaggiò contro la Benetton Treviso.

La squadra di Terra di Lavoro dopo il deludente scorso campionato, si presenta ai nastri di partenza, completamente rinnovata nell'organico, con il solo Doornekamp unico superstite della scorsa stagione, e con la novità di coach Sacripanti rivestire anche il ruolo di general manager.
La squadra presenta molte incognite, frutto di un mercato nel quale il coach si è dovuto muovere con oculatezza avendo a disposizione risorse inferiori rispetto agli anni passati.
Sembra essere ritornati indietro di due anni or sono allorquando proprio all'alba dell'era Sacripanti venne allestita una squadra fatta da giocatori pescati ai confini del Pianeta Basket ma capaci di portare Caserta sino all'elite del basket nazionale.

Quest'anno le scommesse saranno rappresentate dal nigeriano Rose (che ha giocato lo scorso anno in Lettonia) , dall'ala forte Andrè Smith (preso dai Turchi del Karsiyaka) dal lungo croato Stipanovic (proveniente dai belgi del Liegi) e dal play italo - argentino Ciorciari, reduce da un'annata nella seconda lega spagnola.

A loro fianco due italiani di valore, ma reduci da annate altalenanti come Maresca e Richietti e, pertanto, in cerca di riscatto.

La stella della nuova Juve sarà, senz'altro, il play Collins che nell'ultima stagione a Pesaro ha dimostrato di poter essere uno degli MVP del nostro campionato.
A completare il rooster il lungo Fletcher da cui ci si aspetta quanto meno un rendimento uguale (se non superiore) a quello mostrato a Teramo lo scorso campionato.
L'esordio è fissato per domani alle ore 18,15 al Palamaggiò contro la Benetton, squadra che dopo l'abbandono della famiglia Benetton, rimasta, comunque, il main sponsor, è stata anch'essa rivoluzionata ed infarcita di giovani di belle speranze con le chiocce Becirovic e Bulleri cui spetterà il compito di mettere in pratica le idee di coach Djordjevic.
L'atmosfera in città è piuttosto tiepida ma in un momento dove anche nel basket si è assistito ad una moria di squadre anche dal passato nobile, essere ai nastri di partenza è già una grande vittoria.

Una tranquilla salvezza sarebbe un degno coronamento degli sforzi fatti dalla società, da coach Sacripanti e dai suoi collaboratori, per far sì che anche quest'anno il grande basket facesse capolino all'ombra della Reggia.

Continua il mal di trasferta per la Pasta Reggia Caserta che contro la Granarolo Bologna conferma la tradizione che la vede sempre sconfitta fuori dalle mura amiche in questo 2014. Il risultato finale (74-66 per i padroni di casa) penalizza oltre modo gli uomini di Molin che, come contro Brindisi, devono rammaricarsi per un finale giocato con troppa frenesia e poca lucidità, dopo aver gestito molto bene la gara per più di trenta minuti. Anche sul difficile campo della Unipol Arena ed al cospetto di una Granarolo molto rinnovata nel roster, dopo gli innesti di Warren ed Ebi (gli uomini di Valli erano reduci dal colpaccio in casa Enel), la Juve è partita con grande piglio grazie anche all’asse play pivot, con Moore (alla fine migliore dei suoi con 14 punti) ed Easley a letteralmente trascinare la squadra nel primo quarto, con il play che metteva a segno 8 punti (con due bombe nell’ultimo minuto del quarto) ed il l pivot (poi spentosi alla distanza) autore di 6 punti (con due pregevoli schiacciate). Così la Juve chiudeva il quarto in vantaggio di 7 (14-21) e la sensazione di riuscire ad imbrigliare il gioco perimetrale dei padroni di casa. Nel secondo quarto, però, complice anche l’uscita dal campo di Jordan per problemi di falli, saliva in cattedra Ebi, il nigeriano con passaporto inglese, tanto talentuoso, quanto biizarro caratterialmente, che partito da quattro, ben presto si imponeva come pivot, riuscendo grazie allde sue caratteristiche fisiche (ben più mobile dei due lungagnoni giamaicani Jordan e King), a mettere in difficoltà la difesa casertana, tanto che Molin era costretto a mettere in campo l’esperienza Michelori per arginare il gioco del pivot bolognese (alla fine uno dei migliori con 15 punti, 9 rimbalzi e due stoppate). Nonostante il tentativo di rientro degli emiliani, la Juve chiudeva il primo tempo in vantaggio (33-35). Anche il terzo quarto si giocava sul piano dell’equilibrio, con la Granarolo che metteva, per la prima volta, all’inizio del terzo quarto, il naso in avanti, ma con la Juve brava a non far scappare gli uomini di Valli ed a chiudere il parziale in perfetta parità (50-50). Parità che permaneva sino al 62 pari, con le squadre che giocavano punto a punto, ma una tripla di Gaddefors (14 punti per lui) ed un fallo antisportivo di Mordente, permettevano alla Virtus di scavare quel piccolo solco che spaccava il match, solco che la Juve, causa anche un Brooks, piuttosto discontinuo ed una insolta imprecisione dalla lunetta, con il solo 57% di realizzazioni, non riusciva a colmare nei minuti finali, nonostante i bianconeri avessero avuto più di un possesso per mettere pressione, sino alla fine, ai padroni di casa. Fortunatamente i risultati delle dirette concorrenti (con Reggio Emilia e Venezia entrambe sconfitte), non hanno mutato la situazione in classifica, ma occorre migliorare il ruolino fuori casa (l’ultimo acuto rimane quello di Siena, il giorno di Santo Stefano), se si vuole evitare di essere beffati nella corsa ai play off

INVIA COMUNICATO STAMPA

Per poter pubblicare i tuoi comunicati stampa, corredati da foto,  scrivi un'email a comunicati@primapaginaitaliana.it

 

 

Mobile Roma - Milano 168 x 150

Generici Statici Image Banner 234 x 90

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere costantemente aggiornato sulle notizie più lette della settimana, che riceverai sulla tua mail. E' un servizio assolutamente gratuito.