Juvecaserta
Carattere

(Pasquale Della Volpe) - Grazie ad un canestro messo a segno da Akindele a meno di 3” dal termine del match, la Juve sorpassa la Vanoli Cremona espugnando il Pala Radi per 73-74. E’ stata una vittoria importantissima che allontana ulteriormente i bianconeri dalle zone basse della classifica e che proiettano la squadra di coach Sacripanti verso lidi più tranquilli; una vittoria ottenuta contro una squadra che stava vivendo un gran momento di forma e che veniva da una entusiasmante vittoria in trasferta contro Bologna e che rappresentava una delle concorrenti per la lotta salvezza (anche se le squadre viste in campo stasera poco avranno a che fare con la lotta per la retrocessione). Il saldo positivo (ricordiamo che la Juve conquistò i suoi primi due punti del campionato proprio contro i Lombardi al Palamaggiò, al termine, anche in quella occasione, di un finale al cardiopalma) pongono i bianconeri in vantaggio negli scontri diretti e ciò potrebbe avere un peso al termine del campionato. La partita ha vissuto sul piano del totale equilibrio per tutti i quaranta minuti di gioco visto che nessuna delle squadre è mai riuscita a prendere un vantaggio che potesse portare l’inerzia del match dalla propria parte; la Juve, nei momenti in cui ha messo la testa avanti non è mai riuscita ad avere più di 4 lunghezze di vantaggio, mentre i lombardi sono riusciti a raggiungere un vantaggio di 6 sul 71-65 a poco più di due minuti dal termine che sembrava poter far girare il match (fortunatamente una bomba di Mordente rimetteva subito le cose a posto). Cremona, dopo il vantaggio siglato da Akindele ha avuto anche la palla per ribaltare il match a poco più di 1” dalla sirena finale quando Kotti ha sbagliato un facile appoggio su assit dalla rimessa laterale, mandando in delirio la panchina casertana ed i circa 10 aficionados giunti sino al Palaradi. Oltre ai punti di Akindele (12 per lui con 6/7 dal campo, nonostante lunghe pause durante il match), si segnalano i 20 punti di Jonusas (anche se frutto di un 8/22 dal campo, non certo lusinghiero); il lituano, però, ha giocato con grande grinta seguendo spesso i suoi tiri e prendendosi la responsabilità di assumere iniziative quando il gioco offensivo dei bianconeri sembrava ristagnare. Da segnalare la prova anche di Mavraides che ha ben sopperito alla serata non proprio esaltante del play Gentile, così come quella di Mordente che con la sua solita esperienza ha dato sicurezza ai suoi, nei momenti più difficili del match. Ed ora rimane da superare un altro scoglio decisivo, domenica prossima contro Biella (la squadra piemontese, dopo la sconfitta di stasera contro Pesaro sembra, però, in caduta libera); una ulteriore vittoria potrebbe definitivamente sancire l’uscita della juve dalla lotta salvezza e sposterebbe in avanti l’orizzonte della squadra di coach Sacripanti. Ma di questo ne sapremo di più domenica sera; per adesso godiamoci l’ennesima impresa della nostra amata squadra.

INVIA COMUNICATO STAMPA

Per poter pubblicare i tuoi comunicati stampa, corredati da foto,  scrivi un'email a comunicati@primapaginaitaliana.it

 

 

Mobile Roma - Milano 168 x 150

Generici Statici Image Banner 234 x 90

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere costantemente aggiornato sulle notizie più lette della settimana, che riceverai sulla tua mail. E' un servizio assolutamente gratuito.