Juvecaserta
Carattere

(di Pasquale Della Volpe) -  Festa a metà al palamaggiò dove la Juve Caserta si congeda dal proprio pubblico (almeno per quanto concerne la stagione regolare) con una vittoria contro la Vanoli Cremona (71-65 il finale) ma si giocherà le chance post season domenica prossima nello scontro in quel di Pistoia, che grazie alla vittoria sul campo della Granarolo Bologna, si è guadagnata la possibilità di giocarsi il match point contro gli uomini di Molin davanti al pubblico amico. Sarà perchè la posta in palio era altissima, vuoi anche che gli opsiti, non avendo nulla più da chidere alla loro classifica, sono scesi al Palamaggiò privi di qualsivoglia pressione psicologica, la vittoria non è stata affatto scontata dal momento che i bianconeri, sentendo , forse, l’importanza del match, hanno sofferto sin dall’inizio il maggiore ritmo degli ospiti che, correttamente se la sono giocata sino alla fine facendo sudare le classiche sette camicie a Brooks & co, e mettendo i brividi, in più di un’occasione al numerosissimo pubblico che ha assiepato anche stasera il palazzetto. Ne è uscita, quindi una partita, diametralmente opposta rispetto a quella vista contro Sassari, domenica scorsa, con la Juve molto più bloccata in fase offensiva, dove ha soferto sia nel gioco interno che dall’arco. Così Cremona ha comandato le danze per quasi tutto il match anche se in una sola occasione è sembrata poter scappare via, quando , nel terzo quarto si è portata avanti di 9 lunghezze (41-50), fortunatamente ripresa da due bombe consecutive messe a segno da Vitali. Paradossalmente proprio da quel momento è sembrato girare il match con la Juve che, raggiunta la parità sulla sirena finale del terzo tempo, ha messo subito il muso in avanti i ed ha iniziato, seppur con molta fatica in fase offensiva, a prendere contezza di poter portare a casa il match; un vittoria figlia di un gioco di squadra con punti equamente distribuiti tra i vari protagonisti (Brooks autore di 16 punti, seguito a ruota da roberts, con 13, Vitali 11, e Scott 10) mentre Cremona si è retta principalmente sull’asse Jackson – Rich che hanno messo assieme 47 dei 65 punti complessivi messi a referto (con il primo inarrestabile con un esaltante trentello). La classifica arride ancora alla Juve che nei prossimi quaranta minuti si giocherà l’intero campionato che potrebbe regalare addirittura il settmo posto (assolutamente inimmaginabile ad inizio stagione), con una vittoria contro Pistoia e la concomitante sconfitta di Reggio Emilia, od addirittura escludere gli uomini di Molin dalla post season, se i toscani dovessero vincere con più di sei punti di scarto. Ma il popolo bianconero è abituato a soffrire ed in settimana tutti sapranno preparare al meglio il match che vale una stagione; in ogni caso in qualsiasi modo andrà a finire, il campionato della juve è da conseiderarsi assolutamente positivo ed il risultato ottenuto, qualunque esso sarà, porterà un netto miglioramento in termini di piazzamento e di risultati rispetto alle ultime due stagioni, dimostrando che non sempre i risultati si ottengono con un grande badget, ma con giocatori, seppur semi sconosciuti, dotati di grande fame sportiva e di grande applicazione non chè di attaccamento al progetto per cui sono stati chiamati ad inizio stagione. Non solo quindi, forza Juve in vista del rush finale ma anche un grazie Juve e ciò a prescindere dal risultato del campo di domenica prossima.