Juvecaserta
Carattere

(di Pasquale Della Volpe)  In quello che doveva essere un match dal pronostico scontato, la Pasta Reggia Caserta fa sudare la classiche sette camicie all’armata Olimpia Milano per portare a casa i due punti, arrivati solo nel finale di gara dopo che i ragazzi di Markovski hanno retto per tutti i quaranta minuti di gioco (78-71 il finale). La serata al Forum ha offerto molti più spunti positivi di quanto dica la impietosa classifica bianconera che parla di uno 0-10 apparentemente drammatico; in realtà la Juve ha mostrato contro una squadra che nelle ultime partite viaggiava con più di 100 punti di media realizzati, un grande carattere decidendo di giocare a viso aperto e senza alcun timore reverenziale. L’attacco biancorosso è stato tenuto a soli 78 punti realizzati, con il solo Alessandro Gentile (top scorer dei suoi con 21 punti messi a referto) capace di mettere in crisi la difesa casertana, con un terzo quarto fantastico (quarto nel quale i padroni di casa hanno scavato il parziale che alla fine è risultato decisivo per le sorti del match, chiusosi 26-16); la squadra ha espresso un gioco fluido con un Moore finalmente ritrovato (12 punti e 5 assist) e con non solo Young (stasera tenuto, si far per dire, a soli 17 punti) protagonista in attacco; infatti i giochi offensivi hanno variato molto consentendo a ben nove giocatori di andre a referto. La squadra ha condotto per tutto il primo tempo dove i padroni di casa non sono riusciti mai a mettere la testa avanti (parziale chiuso sul 34-36), subendo un passaggio a vuoto solo nel terzo quarto ma riuscendo, comunque, a rintuzzare l’ondata d’urto dei padroni di casa, tanto che nel quarto finale la Juve, in più di un’occasione, è riuscita a riavvicinarsi pericolosamente alla compagine meneghina. Putroppo, come accaduto un pò in tutte le partite della gestione Markovski, la juve ha peccato di continuità smarrendosi nei momenti decisivi del match dove i bianconeri non sono riusciti a capitalizzare le opportunità conquistate sprecandole spesso banalmente; si tratta di un difetto che sta costando tantissimi punti perchè in un paio di occasioni (Cantù e Trento su tutte), una maggiore fredezza da parte della compagine di Terra di lavoro, avrebbe potuto portare qualche sorriso in casa bianconera che invece è costretta ancora a fare i conti con uno 0 che alla luce anche dei risultati delle dirette avversarie (vittorie di Pesaro e Capo d’Orlando) stasera fa ancora più paura perchè vede le penultime classificate a quota 6. Però lo spirito e la voglia mostrata stasera dovrebbero far guardare al futuro con un minimo di ottimisimo; domenica contro Varese la Juve si giocherà probabilmente una buona fetta di campionato; siamo certi che una vittoria riaprirebbe i giochi e soprattutto, sbloccherebbe mentalmente i ragazzi di coach Markovski frenati, spesso, da una paura di vincere da cui si può guarire solo con una grande iniezione di fiducia.