Juvecaserta
Carattere

(di Pasquale Della Volpe)  Forse l’expolit ottenuto dalla Pasta Reggia Caserta che ha sconfitto per 84-73 la corazzata Reyer Venezia di coach Recalcati non cambierà le sorti del disastroso campionato bianconero ma rappresenta una piccola soddisfazione in un’annata assurda che oggi, nonostante la bella vittoria ottenuta ieri sera dinanzi al pubblico amico, vede sempre gli uomini di Esposito malinconicamente ultimi a cinque punti da Pesaro (impegnata stasera in un proibitivo incontro contro l’Armani Milano). Una vittoria meritatissima dal momento che i bianconeri hanno condotto con autorevolezza l’intero match, senza mai concedersi pause e scardinando, con regolarità, la difesa oro – granata che fa proprio della fase difensiva il suo punto di forza (non a caso i lagunari sono la seconda miglior difesa della lega). La juve ha espresso probabilmente il migior basket della stagione, sapientemente guidata dal play Moore che ha dispensato assist in quantità (ben 9) e che ha trovato nel solito Ivanov (19 per lui) il solito braccio armato capace di lottare sotto le plance /e non solo) con avversari ben più quotati. Ma è stata la vittoria dell’intero collettivo visto che chiunque abbia calcato il parquet, ha messo il suo mattoncino ; diventano pertanto d’oro i punti venuti dalla panchina con Mordente, Antonutti e Tessitori capaci di non far rimpiangere i propri pari ruolo quando sono stati chiamati in panca per prendere fiato. Anche la fase difensiva ha lavorato alla grande visto che le bocche di fuoco veneziane si sono accese solo ad intermittenza (Peric) o nel finale (Jackson e Goss); Caserta è stata capace, inoltre, di perdere solo sette palloni nell’arco dell’intero match contro una squadra ch sa come difendere ma che ieri sera non è stata mai in grado di prendere le contromisure ai giochi offensivi chiamati da Esposito. La gara del Palamaggiò ha completamente appianato l’enorme gap tecnico esistente tra le due squadre, tenuto anche conto che i bianconeri dovevano fare a meno per la terza gara di fila, di Domercant, ma stasera la Juve ha mostrato di non meritare affatto l’ultimo posto; la prestazione conferma che Esposito ha saputo dare un’anima a questa squadra che non vorrà regalare niente a nessuno sino al termine della stagione dove probabilmente sarà ancora dove è adesso, ma almeno potrà dirsi che si è provato sino all’ultimo a fare uscire la nave dalla tempesta senza farla affondare.

INVIA COMUNICATO STAMPA

Per poter pubblicare i tuoi comunicati stampa, corredati da foto,  scrivi un'email a comunicati@primapaginaitaliana.it

 

 

Mobile Roma - Milano 168 x 150

Generici Statici Image Banner 234 x 90

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere costantemente aggiornato sulle notizie più lette della settimana, che riceverai sulla tua mail. E' un servizio assolutamente gratuito.