Telemaco Signorini e l’immortalità di Carmine Crocco

(di Nando Cimino) Una certa storiografia ha cercato, inutilmente, di cancellare le tracce delle più cruente fasi belliche che hanno caratterizzato l’annessione del Regno delle Due Sicilie, al Regno dei Savoia. Le mistificazioni e le menzogne, autentiche dalla retorica risorgimentale e propinate ai posteri, oggi si sgretolano sotto il peso di una verità sempre più potente e inconfutabilmente documentata. Il popolo duosiciliano, scientificamente impoverito, disgregato e vessato, ora come allora, cerca di riappacificarsi con se stesso, recuperando la sua capacità di intraprendere e crescere, pur tra mille difficoltà. Molta parte dell’intera vicenda risorgimentale è passata per il setaccio dell’intellettualmente onesta revisione storica, offrendo nuove visioni dell’intero del sud, riaprendo ferite mai rimarginate. Un popolo che soffre ancora della generale codardia di una classe politica incapace di guardare quelle pagine, amare e insanguinate, diritto negli occhi. Donne e uomini, contadini, intellettuali, piccoli imprenditori e persino prelati, smisero i loro abiti ordinari per combattere a difesa dei propri territori, della propria fede e della propria bandiera. Nacquero i ‘briganti’ e con loro la repressione violenta e indiscriminata, legalizzata dalla famigerata, legge Pica. Nomi che facevano tremare le guarnigioni sabaude e garibaldesi. Padroni del territorio cadevano nelle vili imboscate dell’esercito, solo perché vittime di tradimenti. Tra i più noti combattenti contro l’occupazione sabauda, spicca il nome di, Carmine Crocco. Il ‘generale dei briganti’ era alla testa di un esercito di duemila uomini tra Basilicata e Calabria e fece di quelle montagne il suo nascondiglio mettendo a dura prova le risorse belliche degli usurpatori. Figura controversa che ancora oggi desta ammirazione, Carmine Crocco, morì presso le carceri di Portoferraio, il 18 giugno 1905, dove scontava una condanna all’ergastolo. Ed è proprio a Portoferraio che il ‘Napoleone dei briganti’, trovò l’immortalità grazie al pittore fiorentino, Telemaco Signorini. Fu questi che lo ritrasse nel dipingere, ‘Bagno penale a Portoferraio’. Nel gruppo di carcerati disposti per due file perché passati in rassegna, infatti, spicca l’imponente figura, il primo a destra della tela, del brigante di Rionero in Vulture, Carmine Crocco. All’immortalità delle sue gesta militari, dunque, si aggiunge quella data dal dipinto del toscano macchiaiolo, Telemaco Signorini.

 

Giovedì 26 settembre alle ore 18,30 a Chiusano San Domenico si svolgerà il convegno: “L’alba di una nazione - Risorgimento e brigantaggio nel cinema italiano”.

Relatori dell’incontro saranno il critico cinematografico Paolo Speranza, direttore della rivista Quaderni di Cinemasud e lo scrittore Alberico Bojano, autore di “Briganti e senatori” (Guida, 1997) e “Squarci di vita brigante” (Photocity, 2011).

È stata un’Unità difficile e travagliata, quella che dal 1860 ha raggiunto il nostro Paese, soprattutto per le regioni del Mezzogiorno. Anche il migliore cinema italiano ne ha dato una lettura critica e articolata, per documentare le contraddizioni e gli errori del Risorgimento - una stagione importante per l’Italia, ma troppo a lungo falsata da propaganda e retorica - e capire i problemi dell’Italia contemporanea.

L’incontro si inserisce nelle Giornate Europee del Patrimonio promosse dal Ministero dei Beni Culturali, cui anche il Comune di Chiusano di San Domenico ha aderito, con la direzione artistica di Tina Rigione.

Durante la giornata si potranno effettuare visite guidate nei luoghi di maggiore interesse storico del paese, quali la Fontana Monumentale, i ruderi del Castello Longobardo, e la Chiesa madre Santa Maria degli Angeli.

Nei saloni di Palazzo De Francesco sarà inoltre visitabile la mostra fotografica "Risorgimento e brigantaggio nel Cinema italiano", che ricostruisce in 4 sezioni tematiche (Il mito dell'Unità, La svolta di Visconti, L'altro Risorgimento, Li chiamarono briganti) il rapporto costante del cinema italiano con la vicenda unitaria, con particolare riferimento al Mezzogiorno: una pagina spesso dimenticata, ma ancora apertissima e ricca di prospettive, ricostruita attraverso immagini di film famosi.

T'accumpagno vico vico

Sulo a tte ca si' 'n amico
E te porto pe' 'e quartiere
Addo' 'o sole nun se vede
Ma se vede tutto 'o riesto
E s'arapeno 'e ffeneste
E capisce comm' è bella
'A citta' 'e Pulecenella
Comm' è bella comm' è bella
'A citta' 'e Pulecenella
Comm' è bella comm' è bella
'A citta' 'e Pulecenella

Me dispiace sulamente
Ca l'orgoglio 'e chesta gente
Se murtifica ogni juorno
Pe' 'na manica 'e fetiente

Ca nun teneno cuscienza
E nun teneno rispetto
Comme fanno a piglia' suonno
Quann' è 'a sera dint' 'o lietto


Dint' 'o lietto dint' 'o lietto
Quann' è 'a sera dint' 'o lietto
Dint' 'o lietto dint' 'o lietto
Quann' è 'a sera dint' 'o lietto

Po' te porto a Margellina
Sempe ca nun tiene fretta
Verso 'e ccinche d' 'a matina
Quann' 'o traffico 'o ppermette
Cca' è permesso tuttecose
No pecche' tieno 'o diritto
Ma pecche' se sempe fatto
O è sultanto pe' dispietto

Pe' dispietto pe' dispietto
E' sultanto pe' dispietto
Pe' dispietto pe' dispietto
E' sultanto pe' dispietto

Me dispiace sulamente
Ca l'orgoglio 'e chesta gente
Se murtifica ogni juorno
E nuje ce mettimmo scuorno
Ma nisciuno po' ffa' niente
Ce zucammo 'a caramella
Comm' è ddoce e comm' è bella
'A citta' 'e Pulecenella

Comm' è ddoce e comm' è bella
'A citta' 'e Pulecenella
Comm' è ddoce e comm' è bella
'A citta' 'e Pulecenella

Io che songo musicante
E me sento furtunato
Canto e ssono sono e canto
Chesta bella serenata
Pecche' songo 'nnammurato
Pecche' forse ce so' nato
Ma vedite comm' è bella
'A citta' 'e Pulecenella

Comm' è bella comm' è bella
'A citta' 'e Pulecenella
Comm' è bella comm' è bella
'A citta' 'e Pulecenella
Comm' è bella comm' è bella
'A citta' 'e Pulecenella
Comm' è bella comm' è bella
'A citta' 'e Pulecenella

Altri articoli...