Cronaca
Carattere

 

'L'esercito l'abbiamo già usato e non è servito a niente ... quando si risveglierà il Vesuvio capiremo che lì non c'è legalità più da nessuna parte e tanto più sarà intenso e violento il risveglio del Vesuvio, quanto più, forse, rifonderemo lo spitiro civile della città'
Oscar Giannino, controverso e folkloristico tuttologo del panorama pseudoculturale italiano, di madre napoletana, sostiene che, per ridare energia al senso civico dei partenopei, occorre l'opera del Vesuvio.
Egli argomenta l'assioma 'Vesuvio-legalità' o 'Vesuvio vs napoletani' specificando che solo passando attraverso una grande tragedia, come quella che provocherebbe una eruzione del vulcano di casa nostra, si potrebbero risolvere gli atavici problemi connessi alla dilagante illegalità (dice lui) e alla totale mancanza (dice lui) di senso civico che il popolo napoletano si porta dietro da sempre.
Quella ipotizzata tragedia, nell'ipotesi gianniniana, provvederebbe ad unire meglio il popolo contro i suoi stessi mali.
Ora, stabilito che pensare al Vesuvio come 'solutore' degli endemici mali, mi pare argomentazione degna di ultras di qualche nota compagine calcistica, direi che sciocchezza più immonda non poteva essere pronunciata.
Il Vesuvio??? A soreta Giannì!!!
Ancora una volta l'incapacità, l'ignoranza e la codardia di questa strana classe intellettuale e politica, la fa da padrona.
La verità è che non avete proprio più nulla da proporre ma il guaio è che a quel nulla, cercate di dare valenza assoluta argomentandolo pure, partendo dall'ignobile presupposto che i 'Napolitani' siano tutti camorristi, brutti. sporchi, ignoranti e cattivi.
152 anni di oppressione 'culturale' hanno fatto del popolo del Sud e non solo di quello napoletano, il capro espiatorio di tutti gli italici mali.
Ci avete consegnato nelle mani della camorra nelle fasi stesse dell'unificazione, ci avete svuotato di ogni nostra forza, fortuna e capacità.
Avete fatto credere al mondo di noi, essere un popolo di rozzi 'terroni' incapaci e maldestri.
Avete ridotto a brandelli la nostra dignità, la nostra Fede e la nostra millenaria cultura.
Siete stati talmente abili da farlo credere (ora non più) persino a noi stessi, diffondendo menzogne nei libri di scuola.
Avete desertificato il nostro tessuto produttivo e industriale e agricolo.
Avete costretto la gente del Sud ad emigrare mentre il nostro popolo veniva trucidato da Cialdini e dai suoi servi.
Avete sparso il seme della corruzione e svuotato le nostre Casse.
Ci avete consegnato nelle mani della più sporca e becera classe politica, da voi formata e ora, l'unica cosa che auspicate, è l'intervento del Vesuvio???
Ma avete ragione, la colpa è nostra...
Nando Cimino

INVIA COMUNICATO STAMPA

Per poter pubblicare i tuoi comunicati stampa, corredati da foto,  scrivi un'email a comunicati@primapaginaitaliana.it

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere costantemente aggiornato sulle notizie più lette della settimana, che riceverai sulla tua mail. E' un servizio assolutamente gratuito.