Basso Volturno
Carattere

CANCELLO ED ARNONE (Matilde Maisto) – “Mamma,/ la più bella parola del mondo./ Con due sillabe soltanto,/ posso avere il mondo in mano./ Una persona speciale,/ severa, affettuosa e leale,/ pronta a perdonare e lodare…: questi i versi d’esordio della dolcissima poesia “Mamma”, con la quale la giovane poetessa Immacolata Parente, originaria di Grazzanise, si è aggiudicata il massimo trofeo  della “Sezione Giovani/G1” del Premio di Poesia Calliope 2014 - 2^ edizione”(ricordiamo che a questa sezione hanno partecipato i giovani dai 10 ai 14 anni). La poesia ribadisce in toni e pensieri che fanno tenerezza l’indissolubile, affettuoso legame del bambino alla madre.  I versi, nei quali si coglie l’eco di letture, didatticamente mirate alla cura dei bei sentimenti, conseguono talvolta anche l’obiettivo della rima. Seconda in classifica Elena Riccardo di Castevolturno, autrice di  ”Non voglio…vorrei”. Al terzo posto la dodicenne Federica Aiello di Cancello ed Arnone, con la poesia “L’adolescenza”.

Per la “Sezione Giovani/G2” (giovani dai 15 ai 18 anni), vincitore 1° classificato Raffaele Delle Fave, quindicenne di Pignataro Maggiore  con la poesia “La droga”i cui versi dicono: cammini da solo per la strada/ in tasca stringi la tua spada,/ cammini da solo in tutta fretta/ tutto felice per ciò che ti aspetta/ per te ci sarebbero molte più cose/ ma tu preferisci farti una dose./ Non te ne frega del tuo futuro/ ti scopri il braccio e ti appoggi al muro/ sai che fa male ma per te è lo stesso/ e vai a bucarti in quello schifoso cesso.” La poesia presenta una perdurante emergenza sociale che investe il mondo giovanile con catastrofici effetti. L’autore si misura con un progetto metrico meritevole di attenzione, costituito in larga prevalenza da decasillabi e dodecasillabi in rima baciata, divisibili in emistichi di quinari  e senari. L’andamento cantilenante della poesia sembra riprodurre il tono beffardo con cui la droga si accommiata, in chiusura, dalla sua vittima. Seconda classificata Paola Torrico di Francolise, autrice di “Scrivo parole”. Al terzo posto Micheleandrea Benedetto con la poesia “L’ultima battaglia”.

Per la “Sezione Adulti”, vincitore assoluto Dante Iagrossi di Caiazzo, con “I bambini crescono”. La lirica riepiloga in immagini di sano realismo l’odierna condizione esistenziale dell’infanzia alla cui solitudine i genitori, sempre più assenti dalla vita di famiglia, cercano di sopperire con montagne di giocattoli inflazionati al punto di non recare, in termini emotivi, più nulla se non noia, ai piccoli destinatari. Il tutto mentre in altre regioni del mondo altri bambini continuano a morire di fame e di violenze. Il componimento, dalla struttura metrica libera, esibisce un andamento ritmico che s’adegua alla drammaticità del messaggio. Ecco i versi finali e la chiusa della poesia: “…E ancora cadono i bambini/ tra stenti e bombardamenti,/ tra le mura a brandelli di Damasco/ e le strade polverose di Gaza,/ cercando oltre i monti lontani/ i gradini vellutati dell’arcobaleno.” In seconda posizione Enrica Romano di Sant’Arpino con la poesia “So che m’ami”. Terzo classificato Luigi Abbro di San Nicola La Strada con la poesia “Lacrima e foglia”.

La proclamazione dei finalisti  è avvenuta in una gratificante atmosfera di festa nell’ambito del programma “Anja Show”, ripreso dalle telecamere di Italiamia (canale 274) e trasmesso nella serata di mercoledì 28 maggio. Una cerimonia davvero speciale per il cui migliore allestimento molto si è adoperato in precedenza il comitato organizzatore composto dai giornalisti Mattia Branco e Matilde Maisto.

Un tributo all’intero staff che ha fatto corona intorno ad Anja e ad Alex, proponendo performances musicali di notevole valore artistico. I trofei, le targhe, le sculture e  le pergamene sono state consegnate ai finalisti dai membri della Giuria – Aldo Cervo (Presidente), Gaetano Ciaramella, Grazia Graziano, Italia Iovine, Antonio Leone, Raffaele Raimondo, Marialuisa Santonicola  - e alcuni componenti del Comitato d’Onore : la dott.ssa Francesca Sapone Consigliera Provinciale Pari Opportunità