Caserta città
Carattere

CASERTA - Oltre 630 visite, circa 1500 prestazioni: un bilancio decisamente lusinghiero per il “Campus Salute Indoor”, ospitato all’Istituto Tecnico Buonarroti di Caserta lo scorso fine settimana. Un successo la campagna di prevenzione rivolta alla cittadinanza promossa dall’Associazione Campus Salute Onlus di Caserta, di cui è responsabile il dottor Rosario Cuomo, gastroenterologo, docente universitario presso la “Federico II” di Napoli,  in collaborazione con la Croce Rossa Italiana, il cui slogan è “Prenditi cura di te. Affidati a noi”. Chiara la Mission del Campus, nato nel 2013: promuovere la cultura della prevenzione primaria e secondaria delle malattie attraverso iniziative di tipo sanitario,scientifico e divulgativo. Il must principale: organizzare un ospedale da campo per avvicinare la popolazione alla visita medica al di fuori delle strutture deputate a tali attività.

 Il Villaggio della Salute quest’anno ha coinvolto oltre due cento volontari, tra loro medici, personale civile e della  Croce Rossa Italiana, ma anche alunni, docenti e personale ata dell’Istituto Tecnico Buonarroti. Sedici gli ambulatori dove i medici  hanno effettuato visite specialistiche, prestazioni  e screening.  Tra loro in primis  il responsabile dell’Associazione Onlus Rosario Cuomo e la dottoressa Maria Erminia Bottiglieri, presidente dell’Ordine dei Medici della provincia di Caserta, insieme a tanti  loro colleghi e collaboratoti  Antonio Vinciguerra, Alberto Morello, Salvatore Severino e Saverio D’Elia (Cardiologia ed ecocardiografia); Vittorio Palmieri e Agostino Buonauro (Ecocardiografia); Paolo Andreozzi, Biagio Mauro, Francesco Zito, Marcella Pesce, Martina Cargiolli, Alessandra D’Alessandro, Donato Iuliano, Raffaella Romito (Gastroenterologia); Rino Dattolo, Rocco Granata, Luciano Restivo e Debora Angrisani (ecografia addome); Mario Parillo, Valeria Nedi e Gilda Pontieri (Endocrinologia – diabetologia); Luigi Schiavo (Ecografia tiroidea); Rino Zullo, Antonio Di Cerbo e Michele Smaldone (Senologia ed ecografia seno);  Giovanni Testa, Laura Muto, Paola Di Caterino, Enzo Battarra, Orlando Zagaria e Michele Del Vecchio (Nevoscopia); Nando Bosco,  Eva Aurora Massimilla e Antonio Cusano (Otorinolaringoiatria), Violetta Caserta, Giuseppina Quintili, Maria Antonietta Faraldo, Costantino Libero e Pina Quintili (Psichiatria, psicologia e neuropsichiatria infantile); Annarita Pepino, Pasquale Parisella e N. Petrillo (Ecografia ginecologica); Ferdinando Cicala (Stomatologia); Carlo Manzi e Alessia di Maio (Punto prelievo); Fabio Di Santo (Ortopedia); Carmine Santonastaso, Mariano Pizzuti e Omero Pizzuti (Urologia); Maurizia Lanza, Carolina Vitale e Vincenzo Pezzella  (Pneumologia).      

Non solo tanti medici volontari che hanno dedicato  il loro tempo alla prevenzione delle malattie al fine di diagnosticarle in modo precoce, a dimostrazione che la prevenzione è sempre opportuna se è precoce, ma la macchina organizzativa ha coinvolto anche tante sorelle della Croce Rossa sezione di Caserta, nonché personale civile volontario del Campus Salute Onlus, tra cui i soci Walter Fiorillo, Luisa Ruggiero, Antonio Durante, Vittoria Marletta,  Giovanni Di Lullo, Giovanna Farina e Immacolata Tartaglione;  il coordinatore degli ambulatori Alfredo Matano; il coordinatore dell’Info-point Sergio Frascatore insieme a Marica Fratta, Loredana Gramegna, Rossella Vardaro, Florinda Convertito, Eleonora Denaro, Angela Sparaco e Manuela Vanella; la coordinatrice dell’accettazione Antonietta Natale insieme a Saverio Cortese, Nicoletta Di Maio, Alessia Fratta, Fabio Albano, Fabiana Leone, Luisa Merola e Carolina Bianco.  

Un plauso va dunque ai responsabili ed agli operatori tutti del Campus Salute Caserta per la valenza dell’iniziativa, ma anche agli oltre 60 alunni dell’Istituto Tecnico “Buonarroti” diretto dalla professoressa Antonia Di Pippo: gli studenti dell’indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio (ex geometra) hanno infatti  aiutato ad allestire e a smontare gli ambulatori nelle aule, mentre quelli del turistico e di biotecnologie sanitarie hanno accolto ed accompagnato i pazienti agli stessi ambulatori. Dell’eccellente “lavoro” svolto proprio dai giovani del Buonarroti si è detta molto soddisfatta la dottoressa Errminia Bottiglieri:  “Sono stati bravissimi, molto attenti e motivati e saranno sicuramente pronti per la nostra prossima avventura. Un grazie particolare alla preside Antonia Di Pippo per averci ospitato e per ciò che ci ha permesso di realizzare nell’istituto e ai docenti che hanno collaborato con l’associazione e coordinato gli studenti. Una vera e propria macchina da guerra – ha inoltre aggiunto la stessa responsabile – sono state le ragazze che hanno aiutato nell’accettazione”.       

In realtà tutti gli studenti, nel corso della due giorni del Campus, hanno svolto attività di alternanza scuola – lavoro mettendo in campo le competenze acquisite in classe e accumulando un certo numero di ore che al termine del triennio saranno poi valutate e certificate e saranno spendibili da subito nel mondo del lavoro.

Dunque un vero e proprio esercito di volontari è sceso in campo al Buonarroti ed  ha contribuito all’ottima riuscita del Campus Salute la cui sezione provinciale di Caserta dà appuntamento al primo weekend del mese di ottobre al Parco Maria Carolina, antistante la Reggia di Caserta, dove sarà allestito per il terzo anno consecutivo un ospedale da campo. Tre giorni dedicati alla prevenzione: per venerdì pomeriggio 30 settembre, l’intera giornata di sabato 1 ottobre e domenica mattina 2 ottobre.