Basso Volturno
Carattere

Riceviamo e pubblichiamo.

"Si fa un gran blaterare in Aula alla Camera, in risposta all’informativa del ministro Lamorgese sul memorandum d’intesa con la Libia. Le chiacchiere però stanno a zero, i numeri non mentono. Non dimentichiamo che tale accordo, al netto dei miglioramenti sui quali stiamo lavorando, ha consentito di raggiungere il record di riduzione degli sbarchi. I numeri parlano chiaro: a fronte delle 111mila unità del 2017 e delle 22mila circa del 2018, il 2019 si chiuderà con circa 10mila ingressi. E, mai dimenticarlo, una significativa riduzione dei morti in mare. Altro aspetto da rilevare, quello della assoluta incapacità del precedente ministro dell’Interno nella gestione di accordi di redistribuzione. Anche qui, prevalgono su tutto i dati ufficiali: vale la pena ricordare - spiega il sottosegretario - che nel 2019, a fronte delle 433 quote di redistribuzione offerte all’Italia, ne ha trasferite in ambito comunitario soltanto 103. Così come nel 2018, a fronte di 220 offerte sono stati redistribuiti soltanto 138 migranti, aumentando così la permanenza di immigrati sul territorio italiano. Su questo aspetto il governo Conte 2 sta lavorando per ridurre tale gap. Inoltre, come riferito dal ministro, siamo al lavoro per rinnovare il memorandum e migliorarlo, con un Piano Operativo Umanitario che garantisca migliori condizioni di detenzione nei centri di raccolta dei migranti in Libia. Secondo aspetto - aggiunge Sibilia - i corridoi umanitari si aggiungono alle evacuazioni umanitarie che sono già una realtà, e li ha realizzati proprio in questi giorni il governo Conte 2. Il terzo aspetto afferisce alle iniziative nel sud della Libia, dove è necessario proseguire nell’attuazione del progetto italiano cofinanziato dalla UE, in collaborazione con l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, al fine di rafforzare la sorveglianza dei loro confini terrestri meridionali. Si può decidere di credere alle chiacchiere, ma i dati ufficiali non lasciano spazio a polemiche e menzogne. La propaganda, se confrontata con i dati, svanisce." -  Conclude il sottosegretario. ( C. S. )