E’ stato creato, dai ricercatori dell'università canadese di Queen, il prototipo di un telefonino flessibile, che consente di sfogliare un e-book o di giocare a un videogame piegando il dispositivo, impugnato con entrambe le mani alle due estremità.

    Il prototipo si chiama ReFlex e, oltre a un display flessibile prodotto da LG, sfrutta un feedback tattile che consente di 'sentire' le manipolazioni dello schermo, restituendo ad esempio la sensazione di sfogliare un libro cartaceo.
    Il dispositivo, basato sul sistema operativo Android, sembra rendere più concreta l'idea di uno smartphone flessibile, perseguita nel corso degli anni da diverse aziende. 

                    Il  perdono                                  

Senti nell’aria profumi di viole,

per un inverno che conta le ore.

Corrono le onde di acqua increspata,

 mormorando verso la riva salata.,

per poi  tornare nell’abbraccio del mare.

Così nel cuore che sente disagio

per aver chiuso la porta di casa,

e triste dentro ora incombe l’oscuro.

ll perdono è come un raggio di sole

che ti prende  la vita daccapo,

la riscalda,e copre le molte ferite.

Quando  ti si tende una mano serena,

e un sorriso illumina il viso.

ti senti  la voglia di spingere oltre,

non hai paura, ti senti sicuro.

Il perdono è un raggio di sole

 prestato da Dio, donato con cuore

all’uomo  che guarda lontano.

                                                            Pierluigi  Mirra

  Domani e..oggi.                                                

Tu conti i giorni  tuoi   sulle tue dita,

e ti ritrovi sempre la stessa conta.

Rimescoli le carte della tua identità

e leggi sempre e solo  date e misure.

Sei tentato di spingere oltre lo sguardo,

fissarlo nel domani che ti trepida dentro,

mentre il presente ti scivola addosso.

Il domani non  tuo,non t’appartiene,

anche se lo sogni con forza e lo vuoi,

Il domani mio e  tuo è oltre le stelle,

esso  non è nostro, appartiene all’Eterno.

Non continuare  a  contare le cose con noia,

ma prendi ogni giorno la vita per mano,

rendi bella come un quadro d’artista,

e l’oggi ti serva come pedana di lancio.

                                                                              Pierluigi Mirra

Considerato il grande successo di pubblico e di critica la mostra Mattia Preti: un giovane nella Roma dopo Caravaggio,allestita nella Galleria Nazionale d’Arte Antica in Roma, è stata prorogata fino al 15 febbraio 2016.

L’esposizione, nata da un’idea del critico d’arte Vittorio Sgarbi e dello studioso Giorgio Leone, direttore della Galleria Corsini, è uno straordinario omaggio ad uno dei più celebri pittori del Seicento, nato in Calabria e conosciuto come il Cavalier Calabrese. La mostra, curata da Giorgio Leone, consta  di ventidue capolavori provenienti da prestigiose istituzioni europee e italiane: dal Musée des Beaux-Arts di Carcassonne agli Uffizi, dalla Galleria Nazionale di Cosenza alla Pinacoteca di Brera e da alcune collezioni private italiane, londinesi e svizzere. Tra le opere esposte segnaliamo: il Soldato del Museo Civico di Rende, il Sinite Parvulos, il Tributo della moneta di Brera, il Tributo della Galleria Corsini, la Negazione di Pietro di Carcassonne, la Fuga da Troia di Palazzo Barberini, il Salomone sacrifica agli idoli e la Morte di Catone.

L’esposizione è accompagnata dal ciclo di conferenze Incontri con Mattia Preti, che proseguirà con altre interessanti proposte.

L’iniziativa è organizzata dal Segretariato Regionale MiBACT per la Calabria, diretto da Salvatore Patamia e dal Segretariato Regionale MiBACT per il Lazio, guidato da Daniela Porro. La mostra è stata finanziata dalla Regione Calabria nell'ambito del programma degli eventi celebrativi per il IV centenario della nascita di Mattia Preti.

--------------------------------------------------------------------------------------------------

Mostra

Mattia Preti: un giovane nella Roma dopo Caravaggio
Galleria Nazionale d'Arte Antica - Roma - Palazzo Corsini

Fino al 15 febbraio 2016

Segretariato Regionale MiBACT per la Calabria

Il direttore: Salvatore Patamia

Dio abita in città?

Sembra una domanda  forse strana:

“Dio, si ,lui, abita in città?..”

Sarà strana per chi non guarda in alto,

o per chi si è accorciati gli orizzonti,

o per chi  dentro se macina il vuoto..

Dio abita in città!..

Tra lo smog, il chiasso e le paure,

tra chi corre  una corsa senza freni,

tra le vetrine con i saldi di stagione.

Dio abita in città!..

Lo  incontri alla  fermata del 109,

con la  borsa a tracollo la mattina,

o triste accanto ad un lampione

dove si vende carne senza amore,

o vicino  alla casa dei ristretti

ad accogliere lacrimi e lamenti.

 SI,  se Dio lasciasse la città,

la morte  cavalcherebbe nella nebbia,

 e la  pietà,l’amore  e la speranza

lascerebbe il posto ad una marcia funebre!

       Pierluigi Mirra                                                                                        

Altri articoli...

INVIA COMUNICATO STAMPA

Per poter pubblicare i tuoi comunicati stampa, corredati da foto,  scrivi un'email a comunicati@primapaginaitaliana.it

 

 

Mobile Roma - Milano 168 x 150

Generici Statici Image Banner 234 x 90

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere costantemente aggiornato sulle notizie più lette della settimana, che riceverai sulla tua mail. E' un servizio assolutamente gratuito.