Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /web/htdocs/www.primapaginaitaliana.it/home/plugins/system/t3/includes/menu/megamenu.php on line 137
FNOPO: «Nuovi nati del 2021 sono importante segno di speranza per inversione di tendenza nel drammatico fenomeno della denatalità» - Prima Pagina Italiana Quotidiano On Line

Roma
Carattere

Roma – «Come sempre la nascita

è un evento che porta gioia e speranza. Ancora di più quelle che si sono verificate la notte della vigilia del nuovo anno poiché segnano ancora una volta la vittoria della vita su qualsiasi momento difficile. Inoltre, dimostrano che le donne anche nelle condizioni che sembrano più disperate hanno una grandissima forza. I nuovi nati del 2021, a partire dallo scoccare della mezzanotte in Puglia a Tricase, passando per Torino, Roma, Brescia, Catanzaro, Cosenza  e tutte quelle che continuano in altre città nella giornata odierna, devono essere un monito per la Politica e le Istituzioni, perché finalmente prendano nella giusta considerazione il fenomeno della denatalità che sta sempre più drammaticamente segnando le sorti demografiche, sociali, sanitarie ed economiche del nostro Paese», affermano le componenti del Comitato centrale della Federazione Nazionale della Professione di Ostetrica.

«L’auspicio è che una quota adeguata delle risorse che verranno assegnate al comparto della sanità vengano investite anche in politiche di sostegno alla maternità e paternità. Le donne non devono essere convinte a fare figli, ma devono trovare le condizioni migliori per poter affrontare una gravidanza e realizzare così il proprio desiderio di avere dei figli. Non è più tempo di attendere. Si deve intervenire sul potenziamento del personale ostetrico nelle UU.OO di Ostetricia e Ginecologia, nei consultori e in tutte le strutture in cui le donne hanno bisogno dell’assistenza ostetrica.

La FNOPO, infine, ringrazia tutte le ostetriche che da nord a sud dello Stivale, anche quest’anno, sono state accanto alle donne, assistendole nel parto anche nella notte di Capodanno dell'anno 2020, che passerà alla storia per la pandemia da Covid-19. L’assistenza ostetrica rimane un indicatore di qualità di vita e di salute delle donne, in particolare in un momento così importante e delicato per la vita delle donne e del nascituro», concludono le rappresentanti nazionali della professione ostetrica.(c.s.)